Cavallasca

In appello ridotta condanna Diana Bracco

La Corte d'Appello di Milano ha ridotto da 2 anni a 1 anno e 9 mesi la condanna di Diana Bracco, ex vicepresidente di Confindustria ed ex presidente di Expo 2015 spa, che era accusata di frode fiscale e appropriazione indebita in qualità di presidente del cda della Bracco spa. In particolare, una parte dell'imputazione fiscale è stata cancellata in secondo grado dalla prescrizione, mentre da quella di appropriazione indebita Bracco è stata prosciolta per mancanza della querela da parte della società e sulla base delle nuove norme. La Procura contestava all'industriale una presunta frode fiscale da circa 1 milione di euro che sarebbe stata da lei realizzata abbattendo l'imponibile attraverso fatture inesistenti per spese personali, come la manutenzione di una barca o di case in località turistiche, fatte confluire sui bilanci delle società del gruppo. Il difensore di Bracco, l'avvocato Giuseppe Bana, sottolineando "l'importante riduzione della pena", ha chiarito che "ricorreremo in Cassazione".

ARTICOLI CORRELATI

Altre notizie